''Abbiamo due orecchie e una sola bocca proprio perché dobbiamo ascoltare di più e parlare di meno''

Zenone

L’ Orecchio

Il sistema uditivo è costituito da un organo periferico, il comune orecchio, e da strutture nervose centrali dislocate all’interno. L’organo periferico comprende l’orecchio esterno, l’orecchio medio e l’orecchio interno.

  • L’orecchio esterno è costituito dal padiglione auricolare fibro-cartilagineo e dal condotto uditivo esterno che, procedendo ad andamento sinuoso, termina a contatto con la membrana timpanica.
    La parte del condotto più vicina al padiglione auricolare è formata da cartilagine ed è provvista di ghiandole ceruminose, mentre la restante parte, gli altri due terzi più vicini alla membrana timpanica, hanno una struttura ossea (osso timpanico e temporale).
  • L’orecchio medio è costituito, invece, dalla membrana timpanica, dalla cassa del timpano scavato all’interno dell’osso temporale che accoglie la catena degli ossicini (martello, incudine e staffa), dalle cavità mastoidee e dalla tuba di Eustachio, che è un lungo canale semirigido che sbocca in rinofaringe.
    La tuba di Eustachio ha il compito di assicurare la ventilazione della cassa timpanica ogni volta che si deglutisce, per permettere un’uguale distribuzione della pressione all’esterno e all’interno della membrana
    timpanica.
  • L’orecchio interno, infine, scavato nell’osso temporale, è formato dal labirinto osseo costituito da una serie di cavità ossee comunicanti tra di loro e suddivise in vestibolo, chiocciola e canali semicircolari ossei che contengono strutture membranose definite come labirinto membranoso anteriore e posteriore.

Il labirinto

Il labirinto membranoso anteriore comprende una struttura avvolta a spirale, detta chiocciola membranosa nella quale risiede l’organo del Corti, che è il vero organo neurosensoriale uditivo al quale arrivano le fibre nervose provenienti dal Sistema Nervoso Centrale.
Il labirinto membranoso posteriore è formato dai canali semicircolari, dal sacculo e utricolo che rappresentano gli organi sensoriali periferici dell’apparato vestibolare deputato all’equilibrio.

Tutti i labirinti membranosi galleggiano nel labirinto osseo in un liquido detto perilinfa e a loro volta contengono l’endolinfa: entrambi questi liquidi hanno una composizione che svolge funzioni nutritive per gli organi da essi lambiti e, inoltre, sembrano poter garantire una buona funzionalità sensoriale uditiva, non ancora totalmente dimostrata.

Funzioni dell’ apparato dell’orecchio

L’apparato dell’orecchio esplica due importanti funzioni, una uditiva e l’altra di orientamento nello spazio e di controllo dell’equilibrio a livello periferico.

Affinché un suono possa essere udito è necessario che l’orecchio esterno raccolga lo stimolo, ovvero che le onde sonore siano convogliate alla membrana timpanica che, entrando in vibrazione, mette a sua volta in movimento la catena degli ossicini strettamente collegata al timpano tramite il manico del martello.

L’orecchio esterno e medio rappresentano perciò un importante sistema di trasmissione meccanica dell’impulso sonoro, che giunge sino all’orecchio interno.

L’altra grande funzione dell’apparato dell’orecchio è, come dicevamo, il senso di orientamento e di equilibrio.
Per poter stare in equilibrio l’uomo necessita dell’integrità di diversi apparati che garantiscano una corretta informazione sensoriale proveniente dai recettori nervosi situati a livello dell’occhio, dell’orecchio, ma anche nelle articolazioni, nei tendini e nei muscoli del collo e della
colonna vertebrale.

A questo sistema periferico è poi collegato un sistema di controllo centrale (i cui organi principali sono il cervello e il cervelletto) che integra e armonizza tutte le informazioni per avere una corretta posizione del corpo.

Struttura degli Organi dell' Apparato Respiratorio