'' La natura non tollera una salute inguaribile ''

T. Bernhard

Fitoterapia Classica

È la forma di cura più antica che sia mai stata utilizzata dall’uomo. Consiste nell’utilizzare la pianta intera o alcune parti di essa, come fiori, frutti, semi, foglie e radici per preparare infusi, decotti e cataplasmi secondo le indicazioni dettate dalla saggia tradizione popolare.

Attualmente esperti erboristi diplomati sanno unire tra loro le piante secche più diverse per ottenere delle miscele dal gusto gradevole e dall’azione curativa efficace per ogni patologia.

Le piante medicinali che hanno un’attività curativa nell’ambito delle patologie delle vie respiratorie e dell’ orecchio possono raggrupparsi, a seconda della loro azione terapeutica, nel seguente modo:

  1. Piante ad azione antisettica a livello nasale, se usate per instillazione locale; a livello orale, se usate per gargarismi (agrimonia, carlina; noce, pilosella); a livello delle mucose di tutte le vie aeree, se si respirano i vapori per inalazione (eucalipto); oppure all’interno dell’organismo, se assunte sotto forma di polveri, infusi, tinture e sciroppi (eucalipto, pino silvestre, pino mugo, serpillo, timo).
  2. Piante ad azione balsamica o emolliente che, essendo ricche di mucillagini, attenuano il senso di congestione e di bruciore. Possono essere somministrate per via interna sotto forma di polveri, infusi, decotti e sciroppi oppure usate per gargarismi (altea, capelvenere, farfara, lichene di Islanda, verbasco) .
  3. Piante ad azione espettorante che fluidificano le secrezioni e ne facilitano l’eliminazione. Possono essere somministrate per via interna sotto forma di polveri, infusi, tinture e sciroppi (anagallide, balsamo del Tolù, ipecacuana, issopo, marrubio, poligala).
  4. Piante per calmare la tosse (drosera, grindelia, lauroceraso), che possono essere somministrate per via interna.
  5. Piante che agiscono nelle difficoltà respiratorie (euforbia, lobelia) e che possono essere somministrate per via interna.
  6. Piante ad azione emolliente, se applicate sul petto sotto forma di cataplasma, oppure ad azione revulsiva, se usate sotto forma di impiastri.

Tisane e Decotti

  • Il tempo di infusione per la preparazione di tisane varia da pianta a pianta e ha una durata media che va da 10 a 30 minuti, affinché le sostanze idrosolubili possano sciogliersi nel liquido;
  • Il tempo di ebollizione per fare i decotti varia dai 15 ai 45 minuti a seconda della durezza delle singole parti della pianta.

Bambini
La tisana sarà preparata dimezzando la dose, oppure il prodotto finale verrà diluito in acqua a seconda dell’età in base a questo schema:

  • fino a un anno = una parte di tisana e 4 di acqua
  • da 1 a 3 anni = due parti di tisana e 3 di acqua
  • da 3 a 5 anni = tre parti di tisana e 2 di acqua
  • da 5 a 10 anni = quattro parti di tisana e 1 di acqua.

Fitoterapia Moderna

La ricerca scientifica moderna applicata alle piante medicinali ha permesso di conoscere meglio i principi attivi e le sostanze inerti in esse presenti, aprendo la strada a due possibilità pratiche:

  • isolare il principio attivo, studiarlo ed elaborarlo chimicamente in laboratorio
  • lasciare la pianta così com’è, mantenendo inalterato il suo complesso equilibrio di parti attive e di parti inerti per preparare prodotti di più pratica assunzione per l’uomo moderno sotto forma di capsule, gocce, sciroppi, supposte

Quest’ultima strada è quella che è stata percorsa dalla fitoterapia moderna o rinnovata, che ha voluto associare la capacità terapeutica della pianta fresca o secca in toto alle tecniche di laboratorio moderne atte a garantire la qualità costante e quindi la non variabilità dell’efficacia terapeutica.

Ed è da questo rinnovamento del modo di curarsi con le piante (oltre quindi all’infuso e al decotto) che è sorta la possibilità di usare le tinture madri e i macerati glicerinati di gemme.

La Gemmoterapia (macerati glicerinati di gemme/M.G. IDH) assieme alle Tinture Madri (T.M.), svolgono un importante compito di preparazione e/o di complemento alla terapia che utilizza rimedi omeopatici, sfruttando la loro azione drenante, cioè la loro capacità di espellere da reni, fegato, cute (gli organi emuntori) e dai tessuti le tossine accumulate nell’organismo.

Proprietà

Nell’ambito delle malattie che consideriamo si possono distinguere diverse proprietà sia delle T.M. sia dei macerati glicerinati di gemme.
(Si rimanda al libro per l’elenco delle T.M. e M.G. IDH)

  1. Azione antinfiammatoria
  2. Azione antisettica
  3. Azione fluidificante
  4. Azione espettorante
  5. Azione antispasmodica
  6. Azione calmante della tosse

Prenota una visita

9 + 14 =

Posologia

Adulti

Nell’adulto la posologia media delle tinture madri è di 30-90 gocce diluite in due dita d’acqua, da suddividere in più somministrazioni durante il giorno, mentre per i gemmoderivati è di 50-150 gocce al giorno, sempre diluite in poca acqua.

Bambini

Nei bambini la posologia varia a seconda dell’età. Posologia per le tinture madri:

  • fino a 2 anni = 20-30 gocce al giorno
  • dai 2 fino a 5 anni = 40-50 gocce al giorno
  • dai 5 fino a 10 anni = 60-70 gocce al giorno
  • dai 10 anni in su = segue il dosaggio dell’adulto

Nei gemmoderivati la posologia indicativa per i bambini è di 5 gocce per ogni anno di età fino a tre somministrazioni al giorno.

Specializzazioni